Il Natale svedese

Illustrazione di Thomas Nast del 1881

Illustrazione di Thomas Nast del 1881

Come è vero che Santa Lucia è una delle festività più sentite dagli svedesi, Natale è un momento magico, di luci e sorprese nel bel mezzo del buio inverno scandinavo.

In molti siti potrete trovare informazioni utili sul natale in Svezia, a partire dai Mercatini (ne abbiamo parlato pure noi qui) fino alle particolari ricette di dolci natalizi.

Secondo visitsweden.com

“le festività natalizie in Svezia sono un empio miscuglio di riti pagani, feste della tradizione vichinga, liturgie cristiane, folkloristiche creature del bosco, santi sud-europei e usanze tedesche”

Midvinterblot
Midvinterblot era una celebrazione vichinga dalle dimensioni colossali, per festeggiare la fine dei giorni più corti dell’anno. Secondo il calendario giuliano il solstizio d’inverno (Yule) era il 13 dicembre che, in questo caso coincide nel calendario gregoriano con Santa Lucia. Secondo la tradizione, Odino insieme ad altri Asi e guerrieri morti organizzava in questi giorni una battuta di caccia. I bimbi, in quest’occasione appendevano ai caminetti delle calze ripiene di paglia e carote per sfamare Sleipnir (il cavallo di Odino). In cambio il re degli dei riempiva le calze di dolciumi.

Julbock yule_goat
La Julbock o Yule Goat è la tradizionale capra di paglia natalizia. L’origine di questa tradizione sembra essere, anche in questo caso, pre-cristiana. Secondo la credenza popolare nell’antichità questo fu un modo per rendere omaggio a Thor che cavalcava un carro volante trainato da due capre Tanngrisnir and Tanngnjóstr. Dagli anni 60, il primo giorno di avvento viene eretta una gigantesca capra di paglia nel centro della città di Gävle nella Svezia centrale. Oltre a quella di Gävle, molte altre città hanno adottato successivamente questa tradizione. Visti i frequenti atti di vandalismo che hanno visto dare fuoco prima del tempo alla capra, dal 2006 il materiale usato per farla è ricoperto di un liquido anti infiammabile.

JultomtenJenny Nystrom 1
Babbo Natale fu disegnato per la Coca Cola da Haddon “Sunny” Sundblom (di madre svedese) nel 1931. Si ritiene che trasse ispirazione dal Babbo Natale delle illustrazioni di Jenny Nyström (1854-1946). Jenny Eugenia Nyström figlia di un maestro e insegnate di piano studiò a Göteborg, Stoccolma (alla Royal Swedish Academy of Arts) e Parigi (dal 1882 al 1886 all’Académie Colarossi e all’Académie Julian). Nella capitale francese venne a conoscenza del mercato delle cartoline, che pubblicò con l’editore svedese Bonnier il quale però declinò la proposta. La S. A. Hedlund Publishing le pubblicarono successivamente nel 1871 come illustrazioni delle storie di Natale dell’autore Viktor Rydberg con il titolo di Lille Viggs äventyr på julafton.

Tjugondag Knut
Natale non è un giorno, Natale è soprattutto un periodo, che va da metà novembre fino al 13 gennaio, il giorno di Tjugondag Knut. Il giorno di St. Knut’s day, o “ventesimo giorno di Yule”, è il giorno durante il quale gli alberi natalizi vengono smontati e i dolci mangiati. Più o meno come la nostra Befana rappresenta la fine delle feste.

Tra le principali fonti sulla cultura del Natale in Svezia vi suggeriamo svezia.cc e visitsweden.com.

God Jul till alla 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...